N.B. : Gli articoli possono essere letti in 70 lingue diverse.

Translate

martedì 10 maggio 2011

Le tentazioni del denaro

Secondo Giampaolo Colavita l'avidità, la dissipatezza, l'avarizia ed il vizio sono gli eterni confini entro i quali deve muoversi un sano ed equilibrato senso della vita e i proverbi spesso sono una sintesi efficacissima di questa continua lotta interiore. Su questo argomento il 5 giugno 2010 scrissi, a proposito dei proverbi, che il linguaggio popolare molto spesso rispecchia le esperienze della vita, che a loro volta disegnano a tinte forti sia i contorni che la sostanza delle debolezze personali. Ecco alcuni esempi:" Sembri una gallina che non riesce a fare l'uovo".Questo detto si riferisce ad una persona che è inquieta, impaziente di dire o fare qualcosa senza riflettere a sufficienza; può essere indice di superficialità o soltanto una nota caratteriale che può irritare l'interlocutore. "Non mangia per non ca. . . . . .". E' normale che quando una persona non mangia per qualche tempo non senta il bisogno di andare in bagno in quanto il suo apparato digerente è vuoto. Così alcune persone hanno una inclinazione al risparmio talmente esagerata da sfociare nell'avarizia più estrema. "Appena cade la neve si scioglie". A volte quando nevica, se la temperatura non è abbastanza fredda, capita che la neve si scioglie non appena poggia per terra. Questo detto è rivolto a chi non sa amministrare le proprie sostanze. E per finire " Pane per tutto agosto e vino per tutta la vendemmia". E' uno sconsiderato colui il quale, siccome in agosto ha il magazzino pieno di grano, lo trasforma in pane da mangiare in abbondanza subito. Così è altrettanto scellerato colui che, appena dopo la vendemmia, beve tutto il vino che ha in cantina. Questo proverbio trova riscontro in tante circostanze, ma più spesso viene rivolto a colui che non appena prende lo stipendio si dà subito alle spese in maniera diametralmente opposta ai modi e tempi del buon padre di famiglia.
Quest'ultimo detto popolare vuole essere un biasimo per gli scialacquoni e un invito alla morigeratezza per le persone che sappiano apprezzare il denaro e lo sappiano usare con giudizio. Come si può rilevare da questi semplici esempi l'impazienza, l'avarizia e l'avidità possano diventare di volta in volta oggetto di riprovazione, ma nello stesso tempo anche oggetto di insegnamento per la vita. Ecco perché in ogni circostanza e in tutte le cose della vita è necessario tenere la giusta misura e non lasciarsi tentare dal "dio" denaro a fare il passo più lungo della gamba.

Nessun commento:

Posta un commento