N.B. : Gli articoli possono essere letti in 70 lingue diverse.

Translate

sabato 26 maggio 2012

Retrospettiva anni '80



Nel decennio 1980-1989 il progresso scientifico e tecnologico proseguì in tutti i campi a ritmo molto sostenuto e in modo particolare nella esplorazione spaziale, nella quale non mancarono risultati spettacolari come le immagini del lontanissimo pianeta Nettuno e dei suoi satelliti inviate dalla sonda Voyager 2, americana, in viaggio verso Andromeda.Però nella conquista umana dello spazio i maggiori successi degli anni '80 appartennero all'Unione Sovietica. Nelle sue stazioni orbitanti – prima la Salyut 7, poi la Mir -oltre a numerosissime ricerche biologiche e tecnologiche, furono compiuti esperimenti decisivi sui problemi legati a una permanenza dell'uomo nell'ambiente ristretto di una capsula e nella condizione anomala di assenza di gravità .In campo nucleare gli sforzi si concentrarono sul proseguimento della fusione controllata, che nelle speranze avrebbe dovuto costituire per l'avvenire una sorgente inesauribile di energia pulita o quasi, ma sul finire del decennio il cammino si presentava ancora lungo e denso di ostacoli da superare, per cui l'umanità per le sue necessità fu costretta per forza a far conto sul petrolio, essendo del tutto marginale il contributo delle cosiddette sorgenti alternative alla soluzione del problema energetico. Furono considerevoli i progressi nella trasformazione diretta dell'energia solare nelle batterie solari: il rendimento fu quasi raddoppiato, ma le potenze ottenibili rimasero pur sempre limitate, i costi ancora elevati per cui una loro utilizzazione effettiva per scopi energetici non poté andare oltre l'alimentazione di apparecchiature di comunicazione nelle zone non servite da una rete elettrica.

L'industria cinematografica, per sopravvivere alla concorrenza della TV e dei nuovi media, differenziò la sua produzione, cercando di soddisfare tutte le esigenze del pubblico, sfruttandomle nuove tecnologie e puntando sulla riscoperta del cinema di qualità.  In Italia vi furono momenti molto difficili in cui sembrava che il cinema medio stesse per scomparire definitivamente, ma verso la fine degli anni '80 vi fu una vera e propria rinascita.   Federico Fellini girò Ginger e Fred (1985); Ettore Scola diresse il film molto bello  La famiglia (1987) ; Marco Bellocchio Diavolo in corpo (1986);Giuliano Montaldo il kolossal Marco Polo (1982) prodotto dalla RAI. Sergio Leone dopo aver girato il bellissimo C'era una volta in America (1984)purtroppo scomparve prima di poter portare a termine un suo ambizioso progetto Leningrado, un kolossal sull'assedio della città.Bernardo Bertolucci coronò un suo sogno realizzando L'ultimo imperatore(1987), con capitali stranieri, ma tecnici ed artisti italiani che vinse ben nove premi Oscar. I nomi del cinema popolare furono quelli dei fratelli Vanzina, Carlo Verdone, Francesco Nuti e soprattutto quelli di Massimo Troisi e Roberto Benigni che con i loro film riuscirono ad offrire alle platee un divertimento intelligente: ricordiamo Ricomincio da tre, 1981; Non ci resta che piangere, 1984; Il piccolo diavolo,1988.Fra i giovani registri spiccò il nome di Nanni Moretti, Ricki Tognazzi,Francesco Calogero, Gabriele Salvatores, Marco Risi, Maurizio Nichetti, che diresse nel 1989 l'ottimo Ladri di saponette e Pupi Avati, il vero alfiere del buon cinema medio ( Una gita scolastica, Regalo di Natale, Storia di ragazzi e ragazze).  

L'Italia non ebbe certo un ruolo di rilievo nel panorama musicale degli anni '80, ma non mancarono fermenti di novità e artisti che seppero ottenere consensi in campo internazionale, come per esempio Umberto Tozzi, Zucchero, Vasco Rossi, Ruggeri, Concato,Anna Oxa ed Eros Ramazzotti. Accanto alle nuove leve vi fu la riconferma di personaggi già da tempo affermatesi nel panorama della canzone italiana, quali Ornella Vanoni, Gino Paoli, Giorgio Gaber, Enzo Jannacci, Gianni Morandi, Lucio Dalla, Riccardo Cocciante, Antonello Venditti, Pino Daniele ed altri. Un caso singolare rappresentò l'attività di Franco Battiato, musicista di grande talento sempre in bilico tra tentazioni commerciali e sperimentazioni linguistiche colte. Vi furono anche artisti che ottennero un successo internazionale come Milva che divenne una delle più apprezzate interpreti del repertorio di musiche brechtiane. Angelo Branduardi con le sue ballate e Paolo Conte con le sue storie riuscirono a divenire stelle di prima grandezza nel panorama della musica europea, successo consacrato con concerti tenuti nel 1988 e nel 1989 all' Olympia di Parigi.

 Nel calcio. le grandi emozioni vennero dai mondiali del 1982 disputati in Spagna. La Nazionale di Enzo Bearzot, che non convinse nelle partite amichevoli precedenti il torneo, iniziò con tre stentati pareggi, poi però superò le fortissime squadre di Argentina e Brasile, e in semifiale la Polonia. Con la partita finale disputata e vinta contro la germania Ovest, l'Italia conseguì il terzo titolo mondiale. 

Il Ciclismo è quasi sempre vissuto sui grandi dualismi ( Coppi e Bartali, Merckx e Gimondi, ecc.) e gli anni '80  videro innanzitutto la sfida fra Francesco Moser e Giuseppe Saronni. Il primo trentino grande corridore da cronometro, passista dotato di una resistenza eccezionale; il secondo, lombardo, sprinter con doti di fondo e di grande opportunismo. Moser entrò nella leggenda grazie alla Parigi- Roubaix, una corsa così dura da essere ribattezzata l'inferno del Nord; la vinse per tre anni consecutivi dal 1978 al1980, poi collazionò centinaia di vittorie compresi campionati iridati e tricolori. Gli mancava solo una vittoria in una grande corsa a tappe, che arrivò con la vittoria del Giro d'Italia del 1984.A Città del Messico nel 1984 conquistò il primato dell'ora percorrendo 51,151 km. all'aperto.Nel curriculum di Saronni figurano due Giri d'Italia ('76 e '83) un Campionato del Mondo (1982).

Nel tennis il momento d'oro degli italiani sembrò decisamente finito. Adriano Panatta, Corrado Barazzutti, Paolo Bertolucci e Tonino Zugarelli non ebbero eredi né in Coppa Davis né nelle graduatorie mondiali.Ma il tennis è sempre stato uno sport internazionale per eccellenza e i campioni stranieri hanno avuto successo nel nostro paese come se fossero italiani. Ricordiamo Borg, Mc Enroe, Ivan Lendl, Boris Becker, Mats Wilander; nel settore femminile vanno ricordate  Martina Navratilova e Chris Evert, la tedesca Steffi Graf, l'argentina Gabriela Sabatini e la spagnola Sanchez: furono loro le regine della terra rossa del Roland Garros a Parigi, dell'erba di Wimbledon a Londra e delle suoperficie sintetiche di tutto il mondo.I

Questi gli avvenimenti più importanti nei vari settori degli anni '80. Naturalmente in  poche righe non si possono elencare tutti gli avvenimenti, ma solo quelli che hanno lasciato un segno nell'immaginario collettivo.

sabato 19 maggio 2012

Retrospettiva anni '70



                       


Gli anni settanta  iniziarono nel bel mezzo della guerra del Vietnam. Gli USA in quel tempo effettuarono delle operazioni militari e diplomatiche nel Vietnam per costringere il loro maggiore avversario il Vietnam del Nord comunista ad assumere un comportamento più morbido al tavolo delle trattative e anche se fu gravemente colpito dai bombardamenti dell'aviazione americana, questa guerra causò pochi danni nei rapporti tra USA ed Unione Sovietica, considerata sempre la protettrice del comunismo mondiale. Nel gennaio del 1973 si giunse ad un armistizio tra il Vietnam del Nord e gli Stati Uniti, ma all'inizio del 1975 le truppe del Vietnam del Nord scatenarono una grande offensiva contro il Vietnam del Sud e Saigon perse rapidamente le sue posizioni  per cui gli USA iniziarono ad evacuare dal Vietnam del Sud le loro truppe residue. In questo modo furono le armi a portare una situazione di pace nel Vietnam, nel Laos e nella Cambogia, pace che durò poco.Infatti,per questa nuova escalation si verificarono veri e propri esodi verso altri paesi asiatici e ciò perchè i comunisti governarono in modo rigido. Peggiore divenne la situazione in Cambogia dove si iniziò un vero e proprio genocidio contro la propria popolazione. In questo modo la lunga guerra nel Vietnam ha portato a nuovi massacri, a repressioni e a nuove guerre.
Spostiamoci in Italia. Gli anni '70 rappresentarono per l'Italia un periodo di enorme travaglio in cui talora sembrò in pericolo la sostanza stessa della libertà e della democrazia. Si registrarono crisi di governo a ripetizione, difficoltà economiche d'ordine interno ed internazionale, i sanguinosi assalti del terrorismo, lo scoppio di numerosi scandali che aggravarono il generale clima di sfiducia nelle Istituzioni. Nel dicembre 1969 si erano verificati due attentati dinamitardi a Roma e a Milano (con 16 morti alla Banca nazionale dell'Agricoltura) che avevano sgomentato l'opinione pubblica. La formula governativa, varata negli anni '60, era quella del centro-sinistra, cioè di una coalizione tra democristiani e socialisti, affiancati da social democratici, repubblicani e liberali. Il 16 marzo 1978, proprio nelle stesse ore in cui Andreotti presentava in Parlamento il suo IV Gabinetto per la prima volta appoggiato dal PCI, il gruppo terroristico delle BR pose fine all'avvicinamento DC-PCI sequestrando il suo massimo fautore, Aldo Moro. Seguirono i 55 giorni più drammatici della Repubblica e non essendoci stati contatti accettabili tra le Istituzioni e i rapitori, che chiedevano la liberazione di 13 compagni detenuti in cambio della liberazione dello statista, il 9 maggio dello stesso anno il cadavere di Aldo Moro  venne ritrovato a metà strada tra le sedi della DC e del PCI. 
Tale scoperta ha creato una grandissima ondata emotiva ma anche una grande insofferenza della gente per l'inefficiente conduzione politica. Le elezioni politiche del 1979 segnarono un arretramento della DC e del PCI, un avanzamento dei partiti minori e del più recente partito radicale,una formazione critica svincolata da ogni schieramento. Rimanevano gravi i problemi del terrorismo, contro il quale erano stati presi importanti provvedimenti che lasciavano intravedere una certa speranza che avrebbe portato alla loro definitiva sconfitta negli anni successivi.
 Il punto di forza delle serate televisive degli anni '70 rimaneva il quiz e lo sceneggiato; il primo legato al suo inventore Mike Buongiorno, il secondo a delle opere letterarie riadattate come Eneide (1971), Le sorelle Materassi (1972), Pinocchio (1972),Madame Bovary (1978),ecc.ma si produssero anche opere originali firmate da grandi registi come Socrate di Rossellini (1971),La vita di Leonardo di Castellani ('72),Gesù di Nazareth di Zeffirelli (1977).



Nel campo della Musica leggera accanto alla generazione precedente ( Paoli, De Andrè, Jannacci, Dalla, ecc.) nasce una nuova figura di cantautore,più spettacolare e di più immediata presa sul pubblico, specialmente giovanile. Accanto a personaggi quali Baglioni, Cocciante, De Gregori, Mia Martini, Vecchioni, Branduardi, Bennato, ecc. convivono però mediocri figure di interpreti che propongono canzoni di scarsissimo contenuto, contribuendo a provocare una saturazione nei confronti del fenomeno cantautori.Nella scia dell'enorme successo che ebbero da noi complessi come Genesis, Yes, Lake & Palmer, ecc. nacquero gruppi come la Premiata Forneria Marconi, i New Trolls, le Orme,, i Pooh, i quali non poterono sottrarsi all'influenza dei più prestigiosi modelli stranieri. Tipico fu di quel periodo l'affermarsi  del fenomeno dei cantautori, che esplose anche per effetto di un'abile operazione commerciale operata dalle case discografiche, le quali intendevano rivalutare la figura del cantante popolare legando la musica rock al filone della canzone d'autore.Vengono venduti più di 65 milioni di dischi e i cantanti di maggiore successo sono Massimo Ranieri, Iva Zanicchi. Lucio Dalla, Lucio Battisti, Mina, Milva e Ornella Vanoni.
Nello Sport tutte le discipline sportive sono state ricche di figure notevoli. Indimenticabili sono i nomi di: Eddy Mercks e Felice Gimondi per il ciclismo;Cruyff e Gianni Rivera per il calcio;Mark Spitz e Klaus Dibiasi per il nuoto; Borg per il tennis; Cassius Clay per il pugilato;Giacomo Agostini per il motociclismo;Fittipardi e Niki lauda per l'automobilismo. Nel '70 nel campionato del mondo  disputato in Messico, l'Italia allenata da Valcareggi si è piazzata seconda dietro il Brasile e al termine di una eccezionale partita ha battuto in semifinale la Germania Ovest per 4 a 3.L'Italia, dopo il successo del 1968 nella Coppa Europa per Nazioni e quello relativo alla medaglia d'argento dei mondiali del '70, veniva eliminata dal belgio nella Coppa Europa del 1972 e cedeva a Polonia ed Argentina i due posti disponibili in semifinale nei gruppi eliminatori dei mondiali del 1974. 
Concludo questo mio post ricordando alcuni avvenimenti,di cui molti di noi sono stati testimoni:
21 gennaio 1971 A Reggio Calabria si organizzano manifestazioni e si indicono scioperi che generano disordini, per l'istituzione della sede di capoluogo regionale a Catanzaro.
26 luglio 1971: Gli astronauti americani Scott,Worden ed Irwin partono per un viaggio di 12 giorni sulla luna, a bordo dell'Apollo 15. Durante la permanenza sul satellite, viene usato un veicolo lunare, il Rover attrezzato per spostarsi  e prelevare frammenti di suolo lunare. 
21 febbraio1972: Per la prima volta nella storia un Presidente degli USA compie una visita in Cina.
Nel corso della sua permanenza il presidente Nixon ha colloqui con Mao Tse -Tung e Chou En-lai.
26 settembre 1973: A Roma si spegne all'età di 65 anni l'attrice teatrale e cinematografica Anna Magnani, interprete di numerosissimi film come Roma città aperta e La rosa tatuata, per il quale ha ricevuto l'Oscar.
2 dicembre 1973: Prima domenica di austerità; gli Italiani non possono circolare con le automobili mentre alcuni proprietari di locali notturni protestano per la chiusura anticipata degli esercizi.
18 dicembre 1976: I tennisti italiani, battendo il Cile, si aggiudicano per la prima volta dopo 76 anni la Coppa Davis
7 marzo 1977: Una legge abolisce le festività di Epifania, san Giuseppe, Ascensione, Corpus Domini, SS. Pietro e Paolo e slittano nella prima domenica del mese la festa della Repubblica e quella dell'Unità d'Italia.
16 agosto 1977: muore a Memphis all'età di 42 anni il cantante e attore cinematografico Elvis Presley, considerato il Re del Rock'n'roll.
10 dicembre 1979: Ad Oslo Madre Teresa di Calcutta riceve il premio Nobel per la pace.

Il prossimo post, che sarà pubblicato il 26 p.v., tratterà gli avvenimenti degli anni '80.

                         


sabato 12 maggio 2012

Retrospettiva anni '60

 Continuando  nella retrospettiva per chi ha superato gli.. anta,oggi andiamo a rivisitare due episodi del decennio 1961-1969 che sono rimasti indelebili  nella mente  di coloro che l'hanno vissuti di persona. Mi riferisco alla crisi di Cuba e alla conquista delle luna.                                                        
All'inizio degli anni '60 in politica vi era ancora il conflitto Est-Ovest che si manifestava nella contrapposizione russo-americana. Non vi erano stati grossi cambiamenti dai tempi della II^ Guerra Mondiale, tuttavia alla fine degli anni '50 vi erano all'interno di questo quadro mondiale alcuni segni di cambiamento. In Occidente, la Francia di De Gaulle tentò di prendere il ruolo degli USA proponendo un'associazione euroamericana che avrebbe permesso alla Francia di mettersi sullo stesso piano delle superpotenze, ma il tentativo fallì per il fatto che l'Europa non era pronta ad identificarsi con le pretese della Francia. Intanto si iniziava ad avere la sensazione che l'immobilità della guerra fredda tra Occidente ed Unione Sovietica andava trasformandosi via via in azione e nell'autunno del 1962, la pricolosa crisi di Cuba rievocò lo scontro diretto fra Russia e America; fortunatamente il ritiro sovietico dimostrò che i due giganti si erano finalmente resi conto che dovevano ad ogni costo arrivare ad una intesa, ad un accordo sulla divisione del potere, grazie anche all'intervento del Papa Giovanni XXIII che con una lettera ai potenti della Terra e un messaggio radiofonico al mondo intero riuscì a scongiurare la terza guerra mondiale.Ma come si è arrivati ad un tale rischio? 


Dopo la conquista del potere con la forza di Fidel Castro i dissidenti cubani, rifugiatesi negli USA,tentarono di spodestare il dittatore con il sostegno strategico degli americani, ma dopo la fallita operazione nella baia dei porci dell' aprile 1961  sostenuta dal Presidente Kennedy, Fidel Castro chiese aiuto all'Unione Sovietica e Kruscev colse l'occasione per allargare la sfera dell'influenza russa nell'emisfero occidentale, facendo installare segretamente delle basi missilistiche a Cuba. Nell'Ottobre del 1962,Kennedy venne messo al corrente di tale operazione e dopo intense  consultazioni e rilevazioni con aerei senza pilota, che mostravano le basi missilistiche sul suolo cubano, decise il blocco  navale davanti all'isola con una flotta, pronta a qualsiesi evenienza, per fermare il trasporto del materiale missilistico a bordo di navi sovietiche. Di fronte ad una decisa presa di posizione di Kennedy, Kruscev, presumibilmente raggiunto anche dalla voce del papa, fece invertire la rotta alle sue navi per cui il mondo potè uscire indenne dalla crisi internazionale più pericolosa dalla fine delle seconda guerra mondiale.





Ma oltre  alla crisi di Cuba del 1962, gli anni '60 vengono ricordati dalla storia per la conquista della luna. Nella notte tra il 20 e il 21 luglio 1969 un essere umano per la prima volta mette piede sul suolo lunale,seguito da milioni di persone, attraverso la televisione, che in diretta per diverse ore, ha entusiasmato ed emozionato con delle immagini suggestive delle varie fasi di discesa, allunaggio morbido, passeggiata dell' astronauta americano Amstrong, durata 2 ore e 24 minuti, e ripartenza dalla luna per il viaggio di ritorno sulla Terra. Da allora seguirono negli anni successivi altri viaggi ed altri sbarchi sul suolo lunare; si sono verificati eventi di straordinaria importanza; sono stati fatti esperimenti scientifici interessantissimi, riportati nei libri di storia, ma ripensare a quella notte fantastica del luglio 1969,a noi che all'epoca eravamo davanti al televisore,fa rivivere momenti di vera emozione,difficilmente ripetibili. A distanza di 50 anni, tenuto conto dello sviluppo tecnologico dei giorni nostri,il ricordo di un avvenimento come lo sbarco sulla luna ci riporta alla scoperta dell'America,studiata nei libri di scuola e quindi solo immaginata (nel 1472, non esistendo la televisione, non abbiamo potuto emozionarci nel momento in cui Cristoforo Colombo toccò il suolo americano) mentre la nostra emozione fu grandissima nel momento in cui Amstrong pose piede sul suolo lunare. 



Quale sarà il prossimo avvenimento che ci darà una emozione simile? Chissà se il Buon Dio ci darà ancora la possibilità di assistere di persona ad eventi di straordinaria importanza,capaci di emozionarci come quella lontana notte del 20 luglio 1969?!!!  

sabato 5 maggio 2012

Allegria! Retrospettiva per chi ha superato gli ...... anta.



Vi sono nella storia dei popoli, così come nella vita degli individui, degli anni fondamentali che servono da spartiacque tra l' epoca che li precede e quella che li segue. Per l'Italia, il passaggio della metà del 20° secolo non fu un semplice girar di foglio sul calendario, ma segnò, nel bene e nel male, la trasformazione profonda degli uomini e della società. Lo spettacolo a quiz "Lascia o raddoppia" di Mike Bongiorno del 1955 sovvertì abitudini e provocò cambiamenti di costume che segnarono l'Italia nella seconda metà degli anni cinquanta.
 Ricordiamo insieme alcuni avvenimenti degli anni '50 che hanno lasciato un segno nell'immaginario collettivo:
1) Il 17 novembre 1951  il Po nel Polesine provoca  un' alluvione disastrosa;
2) Nel gennaio 1954 ritornano in Italia su un treno proveniente da Mosca dopo 12 anni di prigionia 18 superstiti del corpo di spedizione Almir che aveva combattuto in Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale;
3) Il 27 luglio 1956 affonda nell' Oceano Atlantico l'Andrea Doria, ammiraglia della flotta mercantile italiana;
4) Il 1° luglio 1959 entra in vigore il nuovo codice della strada che tra l'altro impone limiti di velocità, strisce pedonali ed un aumento della tassa di circolazione.

In campo religioso il 1° gennaio 1950 si apre con una solenne cerimonia in Piazza S.Pietro il 24° anno santo dedicato al perdono dopo un' epoca caratterizzata, secondo Pio XII, da profondi disordini. Il 1° novembre dello stesso anno viene proclamato il dogma dell'Assunzione in cielo di Maria. Il 9 ottobre 1958 Pio XII si spegne a Castelgandolfo e il 28 ottobre dello stesso anno viene eletto  papa Angelo Giuseppe Roncalli che assume il nome di Giovanni XXIII, il quale il 25 gennaio  1959 indice il Concilio Ecumenico Vaticano II che si aprirà ufficialmente l'11 ottobre 1962 e si concluderà il 7 dicembre 1965  sotto il papato di Paolo VI.  

 In campo cinematografico: nel 1952 debutta Federico Fellini con "lo Sceicco bianco"; nel 1953 con "I vitelloni"; nel 1954 con "La strada" e sempre a partire dagli anni '50 il cinema italiano si ravvivò con opere meno impegnate ma di sicuro successo come "Pane, amore e fantasia" di Comencini, " l 'Oro di Napoli" di De Sica con Sophia Loren e Totò, film precursori della cosiddetta Commedia all 'italiana. Questo genere cinematografico, che si affermò a partire dalla seconda metà degli anni '50, si poneva a metà strada tra il comico e la lezione neo realistica ed era caratterizzato dalla rappresentazione delle virtù e i vizi dell' 'italiano medio.

 In campo musicale, la fine del secondo conflitto mondiale lasciò in tutti una voglia di dimenticare gli orrori della guerra, di divertirsi e tornare a sorridere.Al seguito delle truppe americane arrivarono in Italia i dischi con i motivi musicali d' oltreoceano e dall'America Latina balli come il rumba e la samba che portarono una ventata di novità nelle sale da ballo di casa nostra. Nel 1951  nacque il Festival di Sanremo come idea per rilanciare la musica tradizionale italiana. 
A tenere a battesimo il Festival fu l' orchestra di Cinico Angelini con Nilla Pizzi, Achille Togliani e il Duo Fasano e fu presentato da Nunzio Filogamo,il quale salutò i radioascoltatori con una frase che rimase famosa nel tempo:” Miei cari amici vicini e lontani buonasera, buonasera ovunque voi siate”. La prima edizione fu vinta da Nilla Pizzi con la canzone Grazie dei fiori, che vendette 36 mila copie del disco, un vero successo per i tempi. Il festival divenne parte della storia e del costume nazionali e trampolino di lancio per ogni cantante in cerca di successo. La ritrovata canzone italiana era però esageratamente caramellosa e retorica per cui accanto ad essa si sviluppò un tipo di canzone umoristico-parodistica, irriverente, musicalmente più spigliata che ebbe in Renato Carosone e Fred Buscaglione i suoi più acclamati rappresentanti. Nel 1958 il Festival di Sanremo viene scosso dalle fondamenta dall' esplosione di Volare, una canzone presentata da Domenico Modugno che ottenne un clamoroso successo senza precedenti, successo che si ripeté nel 1959 con la canzone Piove. Nella seconda metà degli anni '50 si affermò il juke-box, importato dall' America che divenne ben presto uno dei più potenti mezzi di diffusione delle novità musicali .
Toni Dallara, Mina, Celentano, furono i protagonisti indiscussi di questo nuovo genere: Come prima, Tintarella di luna, Nessuno, Il cielo in una stanza, Il tuo bacio è come un rock, 24 mila baci, ecc.ecc. Furono i brani più gettonati per un lungo periodo.La canzone italiana si stava dunque trasformando, complice l ''industria discografica che diverrà negli anni seguenti la dominatrice incontrastata del mondo della canzone.
  
In campo sportivo il calcio acquistò una importanza sempre maggiore, soprattutto in Europa. Il 15 giugno 1954 venne fondata la UEFA che nel 1955-56 organizzò il primo campionato europeo per campioni nazionali (Coppa dei Campioni). Il Real Madrid vinse i primi 5 tornei e la finale del 1957 tra Real Madrid e Fiorentina contò ben 125 mila spettatori.

 Nel Ciclismo  Fausto Coppi fu il primo corridore che riuscì a vincere nello stesso anno (1952) Giro d'Italia e Tour de France. 
  
Nella formula 1  il grande protagonista degli anni '50 fu l' 'argentino Manuel Fangio che conquistò ben 5 titoli mondiali.

Nel pugilato dominarono prevalentemente i pesi massimi statunitensi tra i quali l' italo-americano Rocky  Marciano. 

Nel tennis acquistò fama in quegli anni soprattutto l'organizzazione di importanti tornei come Wimbledon, Roland Garros e il campionato Open d' Australia, domanati da Statunitensi ed Australiani.
              
 Altri avvenimenti  importanti degli anni '50: Il 2 gennaio 1958 il soprano Maria Callas abbandona la prima della Norma, in scena all' Opera di Roma, alla presenza del Capo dello Stato Giovanni Gronchi;
Il 28 gennaio dello stesso anno la Camera dei deputati vara una legge che vieta la pratica della prostituzione conosciuta come Legge Merlin o delle Case Chiuse;
Il 13 dicembre sempre del '58 una scimmietta lanciata nello spazio nel muso di un missile Juppiter ritorna sana e salva dopo 15 minuti di volo, ma muore per il ritardato arrivo delle navi di soccorso;
Il 16 marzo 1958 il Consiglio Nazionale della Democrazia Cristiana elegge Aldo Moro segretario del Partito;
Il 13 settembre dello stesso anno, la stazione spaziale Lunik 2^ atterra sulla luna con due minuti di  ritardo sul previsto;
Il 1° ottobre 1958 muore a 82 anni Enrico De Nicola, il primo Presidente della Repubblica Italiana e il 7 ottobre muore a Roma all 'età di 38 anni il cantante di concerti e divo del cinema Mario Lanza.
                        
Per il momento mi fermo quì; prossimamente pubblicherò gli avvenimenti degli anni '60, poi quelli degli anni '70, '80 e '90 che completeranno i ricordi di  50 anni della nostra storia e della nostra vita.