N.B. : Gli articoli possono essere letti in 70 lingue diverse.

Translate

sabato 29 settembre 2012

La festa dei nonni

Il prossimo 2 ottobre  sarà la festa dei nonni istituita da pochi anni per equilibrare le feste delle persone a noi più care come la mamma, il papà, la donna in generale. Mancava quindi la festa del nonno, la cui figura è insostituibile  nella crescita del nipotino che vede nel nonno la saggezza, l'esperienza,l'affetto sincero e..... il regalo particolare nelle ricorrenze importanti della sua vita.E' giusto quindi che qualcuno abbia pensato di inserire nel calendario anche la festa del nonno.A questo riguardo in una pubblicazione del Centro Antoniano di Educazione e Formazione ho trovato un articolo intitolato:" Un nipotino intelligente" che di seguito riporto per una riflessione sull'importanza del rapporto nonno/nipote non sempre tenuto nella giusta considerazione. 
 " Là sulla collina c'era una cascina, dove abitava un anziano contadino.Un giorno andò lassù il nipotino Alex. Non era iniziata ancora la scuola e il piccolo poté restare col nonno una settimana. I due si volevano un gran bene e così si ritrovavano di primo mattino ad aspettare il sole che scendeva sui campi, mentre la sera si ritiravano sull'uscio della cascina a guardare le stelle, che da quel poggio si distinguevano tutte scintillanti. Un giorno il nonno propone: " Vieni andiamo a piantare questo pinetto dove c'era il grande eucalipto, che la tempesta ha abbattuto, poveretto....". Alex prende lui il pinetto, non ha mai provato quella gioia, e partecipa tutto eccitato allo scavo del fosso, aiuta a calarvi dentro l'alberello e a ricoprirlo di terra fino ai piedi del tronco. " Nonno - dice poi - guarda quanto è carino, diventerà grande come  l'eucalipto? ". 
" Certo, ma dopo tanti anni....". Il piccolo, che era molto intelligente, capì anche di più vedendo il vecchio che indicava con la mano lontano...lontano.... E restò triste fin quando il nonno gli regalò una carezza e un bel sorriso. " Nonno perché l'hai piantato se a goderselo dovranno essere gli altri?". "Alex, oh Alex, non sai tu che tutti godiamo di molte cose preparate dagli altri per noi? All'ombra di questo pino verranno a prendere il fresco quelli che vivranno, e in mezzo ai rami faranno il nido gli uccelli. Io sono felice, l'ho piantato per loro...e anche per te!". Il bambino abbracciò stretto il nonno.

 Io non ho conosciuto i nonni, ma solamente le nonne e una in particolare, la nonna paterna. Ricordo che all'età di sei anni mi accompagnava alle scuole elementari e ogni giorno quando  si  era  nei  pressi  della  Villa  Comunale  deviava  verso il laboratorio della  pasticceria di  Donna Caterina, comprava  un pasticcino, se lo metteva  nella  tasca e me lo consegnava davanti al portone della scuola poco prima di entrare.
 Per cinque anni ogni  giorno, tutti i giorni dell'anno scolastico, si ripeteva questo rito. 
Poveretta  è  morta  nel 1949 all'età di  81  anni e sei mesi.  
La  sua  morte  è  stata  il  mio  primo  grande  dolore ( avevo 10 anni ). 
 La  ricordo  sempre  con   grande  affetto.

martedì 18 settembre 2012

Premio Mia Martini 2012


Nella prima decade di Ottobre p.v. si sarebbe dovuto svolgere a Bagnara Calabra il Gran Gala del Premio Mia Martini – 18^ edizione – ma secondo indiscrezioni sarà spostato nel mese di Dicembre per motivi finanziari. Come certamente saprete la manifestazione creata nel lontano 1995 da Nino Romeo a seguito della morte improvvisa ed inaspettata della nostra concittadina Mia Martini, una delle più belle voci della canzone italiana, non è stata inclusa nel calendario degli eventi finanziabili dalla Regione Calabria in quanto non ritenuta un evento di grande risonanza turistico-culturale. Una motivazione questa che non sta né in cielo né in terra in quanto sin dalla sua nascita il Premio Mia Martini è stato considerato dalla stessa Regione Calabria non soltanto una kermesse musicale, una vetrina per voci nuove della canzone, ma un evento internazionale per la conoscenza del vero volto della Calabria; un volto pulito, solare e, aggiungo io, onesto. La Calabria è un territorio ricco di tesori e grazie al Premio Mia Martini in questi anni è stato mostrato in tutte le piazze d’Italia e in alcune grandi città europee come Parigi.

Tutti i politici, alti funzionari e responsabili di settore della Regione Calabria, ospiti della manifestazione, hanno sempre elogiato Nino Romeo per questa bellissima iniziativa e sostenuto con contribuiti economici, secondo le disponibilità finanziarie dell’Ente, in parte le ingenti somme necessarie per offrire uno spettacolo dignitoso all'occhio vigile ed attento della televisione italiana ed internazionale e al numerosissimo pubblico che ha sempre seguito con entusiasmo questo appuntamento canoro in memoria di Mia Martini. Ma quest’anno, guarda caso, la Regione Calabria esclude dal suo calendario degli eventi da finanziare proprio il Premio “Mia Martini” mentre si impegna a sostenere manifestazioni di profilo artistico-culturale non certo all'altezza, in termini di risonanza internazionale, del premio ideato e realizzato dall'apprezzato regista Nino Romeo. Sarà stato per mancanza di risorse o per altro motivo a noi sconosciuto? E’ stata una decisione unanime oppure di qualche gruppo che maliziosamente ha voluto cancellare un evento che ha dato lustro e decoro alla Provincia di Reggio Calabria, alla Regione Calabria e all'intera Nazione nel corso dei 17 anni del suo svolgimento? Forse non lo sapremo mai, ma una cosa è certa: il Premio Mia Martini continuerà ad esistere nonostante tutto perché conosco la caparbietà e l’attaccamento viscerale di Nino Romeo verso la sua città (Bagnara Calabra), la sua Regione (Calabria) e l’affetto sincero verso l' Artista che con la sua voce ha incantato le platee del mondo e ha reso famoso il vero volto della sua gente: Mia Martini.

sabato 8 settembre 2012

Scorci di stagione


Anche se i meteorologici continuano a ripetere che tornerà l'estate, penso che ormai possiamo riporre nel cassettone il costume, il telo, le ciabatte infradito ( l'ombrellone noi frequentatori di spiaggia libera) e dire definitivamente "Ciao mare!".  Nondimeno a Bagnara Calabra e in genere nel Meridione d'Italia avremo ancora delle belle giornate di sole per cui non mancheranno dei temerari, soprattutto giovani che non hanno impegni di lavoro o forestieri che hanno scelto come periodo di vacanza il mese di Settembre anziché il mese di Agosto, continueranno a distendersi sui ciottoli roventi della nostra  spiaggia e a tuffarsi  nel meraviglioso mare della  Costa Viola che a settembre, secondo quanto ci hanno tramandato i nostri antenati, è più bello e più pulito. Ma ciò non significa che sia ritornata l'estate! Per estate di solito s'intende divertimento, spensieratezza, intrattenimento fino a tarda notte, discoteca all'aperto, musiche assordanti, incontri e manifestazioni culturali varie, relax, riposo fisico e psicologico, ecc. ecc. Settembre, invece, per molti frequentatori di Bagnara Calabra non fa parte dell'estate ( dopo il 15 agosto li aspetta la ripresa delle proprie attività lavorative) e per loro il mese di settembre  segna l'inizio di una nuova stagione di stress e di impegni che in un certo senso prepara la mente e il cuore alle vacanze dell'anno venturo. E' vero, qui l'estate meteorologica non finisce ad agosto; sarebbe molto bello poter trovare degli spazi anche nel mese di settembre per iniziative di carattere storico-culturale che facessero da volano alla nostra città per farla diventare un centro turistico di prima grandezza! Ma per il momento, purtroppo, la vera estate è finita ad agosto, nonostante il clima continua ad essere mite fino ad ottobre inoltrato. L'Amministrazione Comunale, in modo particolare, dovrebbe tenere conto di ciò ed incominciare a pensare e programmare nuove strategie per valorizzare meglio le risorse naturali e far funzionare le strutture (Auditorium, Teatro Belvedere, Castello dei Ruffo, ecc.) di cui disponiamo per far sì che l'estate turistica coincida con l'estate meteorologica e continuare anche a settembre  ad usare costume, telo, ciabatte ed ombrellone insieme a tanta gente che trova in questo scorcio di stagione un motivo per restare a Bagnara.  E' un suggerimento che mi auguro possa essere recepito ed attuato sin dalla prossima estate.

sabato 1 settembre 2012

" Estate 2012.....Ciao! "

Anche se il tempo continua ad essere temperato, bello e soleggiato, l'estate " vacanziera" per molti è già finita. Restano pochi (per lo più locali) a fare i bagni anche nel mese di settembre ed oltre e tra questi anch'io che ho sempre saputo, perché tramandato dai nostri progenitori, che a settembre il mare è più bello, più pulito e più adatto per chi ama la tranquillità e il relax a 360 gradi: non c'è confusione; non c'è rumori di sorta, né musica assordante proveniente dagli stabilimenti balneari per cui a settembre a Bagnara Calabra si potrà godere la vacanza nel vero senso della parola.Questo privilegio l'abbiamo solo noi del luogo e pochi forestieri che quest'anno hanno voluto prolungare le loro ferie proprio per verificare se quanto avevano sentito dire dagli amici sulla possibilità di continuare a fare i bagni anche dopo Agosto, rispondesse a verità. Sono convinto che non resteranno delusi perché a Bagnara Calabra, per un particolare dono del Buon Dio, l'estate non finisce ad Agosto come in tutte le altre località turistiche, ma continua ad essere benevola  verso coloro che, per un motivo o per un altro, non hanno ancora pronunciato la parola "Ciao, Estate!".
Di questo particolare privilegio dovrebbero tenere conto i nostri operatori turistici e i nostri governanti per far sì  che il grosso delle presenze estive anche nel mese di settembre trovi piacevole il soggiorno nella nostra cittadina. E ciò è possibile mediante una più nutrita ed interessante programmazione degli eventi musicali e culturali, capace di offrire loro un qualcosa in più per restare: oltre al clima, al mare e alla cordialità della nostra gente è necessario coinvolgere i turisti e forestieri in genere in una serie di manifestazioni che li faccia sentire pienamente soddisfatti della scelta di Bagnara Calabra, quale meta delle loro vacanze e del loro meritato riposo.  Non vi pare?   

     

P.S.  Il mio è solo un suggerimento.......pensateci!