N.B. : Gli articoli possono essere letti in 70 lingue diverse.

Translate

lunedì 31 dicembre 2012

Marameo!...ai Maya.

Il 21 dicembre 2012 è passato come quello del 2011, 2010... e precedenti secondo l'ordine naturale delle cose e contro le funeste profezie dei Maya. Anzi noi del Meridione d'Italia possiamo dire che la Natura ci è stata benevola dal 20 al 25, avendoci regalato delle condizioni atmosferiche quasi primaverili che hanno consentito a molta gente di tuffarsi in mare il 24 dicembre per rispettare la tradizione del bagno fuori stagione.

Eppure molti, pur mostrandosi spavaldi, sotto sotto avevano creduto alla fine del mondo tanto che i tre paesi che la profezia riteneva preservati dall'apocalisse  hanno fatto grossi guadagni registrando il tutto esaurito negli alberghi, ristoranti e locande solitamente frequentati nel periodo estivo da pochi villeggianti. A dire il vero anche i mezzi di comunicazione di massa (Giornali, Radio,TV e Web) hanno contribuito in un certo senso a creare qualche apprensione tra la gente tirando in ballo l'avvicinamento alla Terra di un asteroide di enormi proporzioni per cui tale notizia aggiunta alla profezia dei Maya ha suscitato nell'animo dei più deboli il dubbio che effettivamente il 21.12.2012 potesse essere la data della fine del mondo. Comunque sia il pericolo paventato non c'è stato.  Oggi è il 31 dicembre 2012, ultimo giorno dell'anno ed è giusto festeggiare, come tradizione, con balli e canti per accogliere il nuovo anno 2013 in maniera allegra pur sapendo, ahimè, in anticipo che sarà un anno di ulteriori sacrifici per risollevare in qualche modo questa nostra Italia dalla crisi economica, politica e sociale in cui versa da diversi anni. Si sa il sacrificio di per sé è doloroso ma se fatto per un fine nobile va accettato; è una medicina amara, lo so,che purtroppo dobbiamo bere se vogliamo dare ai nostri figli un futuro migliore.Auguriamoci che questo nostro sacrificio non venga sprecato dalla nuova classe dirigente che da qui a qualche mese si assumerà l'onore e l'onere di farci uscire dal tunnel se non altro per dare alle nuove generazioni la speranza di poter vivere dignitosamente secondo i principi fondamentali della nostra Carta Costituzionale; principi che garantiscono a tutti i cittadini italiani lavoro, giustizia ed equità sociale e che rappresentano le basi su cui si fonda una Società civile, libera e democratica. Con questi sentimenti AUGURO a tutti un Felice Anno Nuovo con l'auspicio che il 2013 sia una anno di pace, serenità, progresso civile e crescita economica e segni l'inizio di una nuova Era caratterizzata da una maggiore partecipazione alla vita politica del Paese per riacquistare il posto che ci spetta nel contesto europeo e riappropriarci di quella dignità internazionale, offuscata negli ultimi anni, che ci rende co-protagonisti nella scena politica mondiale e ci fa sentire orgogliosi della nostra appartenenza ad una Nazione considerata culla di civiltà e terra fertile di ingegno, di arte e di cultura.
                
                                                       AUGURI DI BUON ANNO !!!

   

Nessun commento:

Posta un commento