N.B. : Gli articoli possono essere letti in 70 lingue diverse.

Translate

lunedì 29 aprile 2013

Battiam, battiam le mani.........

Dopo il giuramento del nuovo governo, guidato da Enrico Letta, ci si aspetta che il Parlamento dia la fiducia per avviare ufficialmente la legislatura. I vari Ministri, di destra, di sinistra e del centro, superato quest'ultimo ostacolo, si mettano subito a lavorare per riportare alla normalità una situazione politico-economica ormai al limite della sopportazione. Dopo le tante tribolazioni degli ultimi sessanta giorni e grazie soprattutto al senso di responsabilità del Presidente della Repubblica, al quale battiamo le mani per aver saputo con grande saggezza e amor di patria sbrogliare una matassa assai ingarbugliata dal punto di vista politico, ci auguriamo che la nuova compagine tecnico-politico-amministrativa sappia adottare i necessari provvedimenti legislativi in grado di affrontare i numerosi problemi di carattere "in primis" economico  per riavviare una economia da molto tempo ferma e dare alle piccole e medie imprese, il vero motore della crescita economica del nostro Paese, le risorse necessarie per lubrificare i meccanismi di sviluppo per una ripresa in linea con gli "standard" europei e riportare l'Italia fuori dalla crisi entro brevissimo tempo. Non è facile, ma ci sono le condizioni per ottenere risultati positivi, visto che le divergenze tra i partiti sono state superate. E' finito il tempo delle polemiche; ora è necessario rimboccarsi le maniche e lavorare per il bene del Paese, se vogliamo veramente dare non più speranze ma la certezza ai nostri giovani, alle famiglie, alle imprese, agli operai, ai pensionati, alle associazioni e a quanti operano nei vari settori della pubblica amministrazione che l'Italia  saprà superare l'attuale momento difficile, avendo le capacità tecniche e la forza di volontà per riprendersi il posto che le spetta in Europa e nel Mondo. Io sono certo che il Governo Letta ce la farà e nell'arco di qualche anno la nostra economia ritornerà ad essere competitiva con benefiche ripercussioni nello "stato di salute" dell'intera Nazione.    
  

Nessun commento:

Posta un commento