N.B. : Gli articoli possono essere letti in 70 lingue diverse.

Translate

giovedì 18 aprile 2013

Un sogno da realizzare.



 A seguito della pubblicazione del post "Bagnara: Sirena senza voce " del 13 Aprile scorso, ho ricevuto molti consensi ed apprezzamenti, ma anche qualche critica. La critica si riferisce al fatto di aver evidenziato che Bagnara  oggi  non è quella di trenta / quaranta anni fa per cui il lettore ha intravisto in questo raffronto tra i due periodi storici una mia velata cattiveria nei confronti dell'Amministrazione Comunale in carica guidata dal Dott. Cesare Zappia. Non è assolutamente così. A parte i rapporti cordialissimi con il Sindaco Zappia e la situazione difficile che stanno attraversando gli Enti locali per la crisi economica imperante, nell'articolo non ho parlato di mal governo cittadino né tanto meno di inadempienze da parte dell'Amministrazione, ma ho voluto solo stimolare i giovani bagnaresi, nostri figli e nipoti, ad impegnarsi con più entusiasmo nella vita socio-politica della città, in sinergia con tutte le componenti sane e volenterose del paese che amano veramente (e non a parole)  Bagnara, le cui bellezze naturali e caratteristiche ambientali sono quelle di trenta / quaranta anni fa.  
 Dare voce alla Sirena, impreziosire la Perla e far brillare di luce nuova la Stella avevano questo significato. Nessuna cattiveria, velata o manifesta, da parte mia nei confronti di chi, nonostante tutto, è impegnato con grande senso di responsabilità a gestire i servizi essenziali ed amministrare una esigente comunità di cittadini, non sempre disponibili a collaborare.
I giovani a cui mi sono rivolto nell'articolo precedente, ritengo possano, se amano la loro città, operare in maniera positiva, tenendo conto della loro preparazione culturale e avendo piena conoscenza dei problemi, in quanto parte integrante del tessuto politico-sociale. 
Noi settantenni, come ho già detto, abbiamo fiducia in loro; noi che abbiamo conosciuto lo splendore del passato ci piacerebbe rivedere Bagnara ritornare ad essere " La Sirena del mar di Glauco", " La Perla del mar Tirreno", " La Stella più luminosa della Calabria" e " La Regina incontrastata della Costa Viola". E' forse un sogno irrealizzabile? Io ritengo di no!
I giovani bagnaresi, in ogni epoca, hanno sempre primeggiato in ogni settore dell'attività umana:  dai  mestieri più umili alle professioni più specialistiche; sempre ed ovunque hanno dato prova di saperci fare, meritando il plauso e l'apprezzamento di quanti hanno avuto modo di relazionarsi con essi in Italia e nel Mondo. La storia di Bagnara è ricca di personaggi illustri (non faccio nomi per paura di dimenticarne qualcuno) e ciò dimostra che la cultura e la professionalità, l'intraprendenza e la caparbietà, il desiderio e la volontà di raggiungere gli obiettivi prefissati, sin dai tempi più remoti, a Bagnara hanno sempre trovato un terreno fertile. Sono certo  che le nuove generazioni  non deluderanno e che saranno capaci di realizzare il sogno di noi tutti che è quello di ridare la voce alla Sirena (Bagnara) e di farci sentire ancora una volta  orgogliosi di essere nati in questa meravigliosa terra di  Calabria. 



Nessun commento:

Posta un commento