N.B. : Gli articoli possono essere letti in 70 lingue diverse.

Translate

mercoledì 12 marzo 2014

"Cave canem !"

"Attenzione al cane" è una espressione che di solito viene riportata sui cartelli appesi nei cancelli di ville, giardini o abitazioni per indicare che i proprietari di tali strutture detengono un animale più o meno mansueto a guardia della proprietà, per cui chi si avvicina è invitato a tenere gli occhi aperti e stare attento a non stuzzicare l'animale.Fin qui va bene; è giusto che chi possiede un cane metta in guardia gli ospiti della presenza di questo animale per evitare sorprese non sempre piacevoli. Ma i proprietari di cani rispettano le ordinanze delle autorità ogni qualvolta li portano a passeggio per le vie della città? Sono dotati di sacchetto e paletta per la raccolta di eventuali escrementi? Recentemente mi è capitato di leggere una ordinanza emanata  dal Comando di Polizia Municipale con la quale si faceva obbligo ai proprietari di cani di tenere le strade pulite. Era una ordinanza ben fatta, ben scritta, ben articolata e terminava con la solita frase : " i trasgressori saranno puniti con multe salatissime ai sensi delle vigenti disposizioni di legge". Leggendola, ho pensato: " finalmente l'autorità preposta alla vigilanza si è resa conto che molti proprietari di cani non rispettino il decoro della loro città consentendo ai loro amici a quattro zampe di fare i loro bisogni nelle strade dimenticando che la città è di tutti."  Ma con mia grande sorpresa  ho potuto notare che, specialmente nel grande marciapiedi della via Marina, le cose non sono affatto cambiate; fare una passeggiata in via Marina è una avventura; non si ha la possibilità di ammirare i favolosi tramonti ma chi si trova a passeggiare deve guardare verso il basso per evitare gli escrementi di cani disseminati lungo tutto il percorso. E l'ordinanza dei vigili urbani che fine ha fatto? E' sufficiente mettere un avviso se poi non si ha la possibilità ad effettuare i controlli e colpire i trasgressori? E i cittadini proprietari di cani si sentono responsabili di tale indecoroso spettacolo o fanno finta di niente? Ho l'impressione che anche la prossima estate dobbiamo continuare a guardare dove mettiamo i piedi! A questo punto vorrei lanciare una proposta: " Perché i proprietari di cani non costituiscano una Associazione - Gli amici del cane - che provveda due volte al mese ( il 1° e il 15 di ogni mese)  a pulire le vie principali della città, muniti di paletta, sacchetto e candeggina?"  Che ne dite? Potrebbe essere una bellissima idea.............se realizzata.  

Nessun commento:

Posta un commento