N.B. : Gli articoli possono essere letti in 70 lingue diverse.

Translate

sabato 19 luglio 2014

Fuori sacco


E' proprio vero!  Non sempre i progetti si possono realizzare! Nei giorni scorsi avevo chiuso questo mio blog per ferie proprio perché volevo trascorrere un lungo periodo di vacanza, senza computer o altro supporto tecnologico al seguito, per riposare la mente, standomi sdraiato sotto l'ombrellone o al sole dopo aver fatto il bagno nel nostro splendido mare. Mi ero procurato un ombrellone nuovo, un paio di occhiali  da sole e un costume da bagno firmato ( per essere alla moda!) ma a tutt'oggi non è stato possibile  usarli per le non buone condizioni atmosferiche. E dire che le previsioni meteo davano per scontato l'arrivo dell'estate, specialmente al  Sud, da sempre considerato luogo incantevole dal punto di vista turistico e zona accattivante per una vacanza tranquilla e rilassante. Scherzo della Natura! I casi sono due: o i nostri esperti hanno sbagliato i loro calcoli e le loro analisi computerizzate oppure le stagioni hanno modificato il loro corso millenario.Una cosa è certa: al 19 luglio 2014 le spiagge sono pochissimo frequentate, gli stabilimenti balneari lontani dal "tutto esaurito" e molte persone che avevano chiesto e ottenuto le ferie a luglio, considerato il migliore periodo per le ferie, sono ancora a casa con tutte le attrezzature accantonate in un angolo del ripostiglio in attesa che arrivi questa benedetta estate. Arriverà?  Mi auguro di SI, visto che ho l'ombrellone nuovo, il costume da bagno firmato e gli occhiali da sole di lusso, comprati a caro prezzo! La foto che vedete riprodotta è stata scattata l'anno scorso ai primi di luglio, quando ancora la spiaggia libera, dove vado di solito io, era quasi deserta. Quest'anno, visto che siamo alle porte di agosto, non so se potrò godere la stessa pace e la stessa tranquillità. Nondimeno, anche se affollato, pianterò il mio ombrellone allo stesso posto e farò il bagno nello stesso tratto di mare, pulito e trasparente, sgombro di meduse e di alghe fastidiose, lontano dagli stabilimenti dove la musica pop, rap o tecno, fa da colonna sonora per l'intera giornata. Preferisco il rumore delle onde e il profumo salmastro che proviene dal mare al frastuono di quella musica e all'odore di creme e cremine, spalmate su gambe e spalle dei miei vicini d'ombrellone. Ed è anche per questo che vado sempre allo stesso posto." Stessa spiaggia,stesso mare" cantava Piero Focaccia negli anni '60. Perché cambiare se quella spiaggia e quel mare ti fanno sentire sereno e tranquillo per tutto il periodo delle ferie? Io no.........    

Nessun commento:

Posta un commento