N.B. : Gli articoli possono essere letti in 70 lingue diverse.

Translate

sabato 1 novembre 2014

Visita ai cari defunti


Ogni anno il 2 novembre si celebra la commemorazione dei defunti. E' un giorno diverso da tutti gli altri in quanto i nostri cari defunti riceveranno la visita di tanta gente, parenti, amici e conoscenti, i quali poseranno sulla loro tomba un fiore o reciteranno una preghiera di suffragio,  nella consapevolezza che questo nostro gesto di fratellanza umana ci faccia ricordare che la nostra vita non finisce nel buio di una tomba ma che continua nell'aldilà trasfigurata nella luce e nella gloria del Paradiso. A tal proposito il poeta FADANI, mio carissimo amico, qualche anno fa ha composto una poesia scritta proprio per ricordare i nostri cari e me l' ha fatto leggere affinché io potessi trovare un po di serenità, dopo la perdita della persona più cara della mia vita. Devo confessare che con questi versi Mimmo è riuscito ad emozionarmi, perché il suo profondo rispetto per i cari defunti rispecchia in maniera perfetta la mia visione religiosa della vita, intesa come dono di Dio.


Amate ombre
invadono la mia mente
nell'inquieto silenzio della notte
visi cari
ormai defunti:
parenti
amici, conoscenti.
Calvario di carne
per man tremanti vagano
nel mare eterno dell'oblio
ed io
mormorando una prece,
supplico per loro
la pace a Dio.

Sono versi che in una circostanza come questa ti toccano nel profondo dell'anima e ti danno una sensazione di pace interiore che, attraverso la preghiera, ti aiuta a superare momenti di profonda tristezza.
 Il messaggio contenuto in questa sua poesia è: non dimentichiamo i nostri morti e rivolgiamo a Dio una preghiera in loro suffragio non solo il 2 novembre, ma ogni giorno dell'anno.

Nessun commento:

Posta un commento