N.B. : Gli articoli possono essere letti in 70 lingue diverse.

Translate

martedì 21 aprile 2015

Alba sul mare

Non capita spesso assistere alla nascita di un giorno di primavera,affacciato al balcone di fronte ad un mare cristallino,di un colore blu,leggermente increspato da una leggerissima brezza mattutina!    A me e' capitato!
Molti anni fa'durante una gita a Bordighera in provincia di Imperia, a poca distanza dalla Costa Azzurra francese, affacciato al balcone al terzo piano di un albergo, alle quattro del mattino ho assistito ad uno spettacolo indimenticabile:  l'immagine che si e' presentata ai miei occhi mi ha fatto provare emozioni indescrivibili. Dal buio piano piano i colori della Natura si facevano sempre piu' nitidi e il sorgere dell'alba sul quel mare azzurro leggermente increspato, rendeva il paesaggio suggestivo. L'orizzonte che prima non era visibile per l'oscurita' incominciava a distinguersi lentamente e dopo qualche ora appariva nitida la linea di demarcazione tra il cielo e il mare; la luce del mattino lentamente illuminava la volta celeste del cielo e i colori della Natura piano piano assumevano i toni propri del loro essere: il mare,l'azzurro; il cielo il celeste e i fiori del giardino sottostante incominciavano ad aprirsi ai primi raggi del sole che dalle colline dava segnali di vitalita' e calore.
Sono rimasto affacciato per circa tre ore e alla fine quando ormai si era fatto giorno
rientrai in camera per prepararmi a fare colazione prima di iniziare l'escursione per le vie della citta. Quell'alba sul  mare di Bordighera mi e'rimasta indelebile nella mia mente e anche se simili spettacoli della Natura si possono ammirare nella nostra bella terra di Calabria, quel mattino del mese di Maggio di parecchi anni fa', non lo potro' mai dimenticare.

sabato 11 aprile 2015

Un colpo al cuore

Nel leggere stamattina aprendo il computer la notizia dello scioglimento del consiglio comunale di Bagnara Calabra "per infiltrazioni mafiose" da parte del Ministro Angelino Alfano, ho avuto un colpo al cuore, non tanto per la notizia in sé, che già da diversi giorni circolava nell'aria, ma per la macchia nera, indelebile che l'immagine della Città di Bagnara Calabra, da me decantata come la "Perla del mar Tirreno", "La Sirena del mar di Glauco", "La Regina della Costa Viola" in diverse occasioni, in articoli del mio blog e in opuscoli pubblicati di recente, si porterà dietro per il resto dei suoi giorni.E' un provvedimento che fa male a tutti i cittadini; Bagnaroti e Bagnaresi, residenti ed emigrati, amici vicini e lontani che da sempre hanno avuto sentimenti di affetto per la città e i suoi abitanti. Il mio è un dolore ancora più forte perché proprio in quell'edificio, Palazzo San Nicola, ho trascorso 37 anni della mia vita come impiegato e mai e poi mai avrei immaginato che dentro quelle mura un giorno si potesse infiltrare "la mala erba" per causare un danno così grande ad una popolazione onesta e laboriosa come quella bagnarese. Sono curioso di leggere le motivazioni che hanno spinto il Ministro ad una così grave decisione e nell'attesa di conoscere fatti e circostanze alla base di un simile provvedimento, da queste colonne esprimo la mia solidarietà e vicinanza al Sindaco Cesare Zappia, che conosco come persona perbene, onesta, cordiale,sempre pronta e disponibile a soddisfare i bisogni legittimi dei suoi concittadini. 

mercoledì 1 aprile 2015

La Pasqua dei veri Cristiani

Per noi cristiani la Pasqua è rinnovamento,  rinascita,  resurrezione, vita nuova. Gesù patì e morì come Uomo per amore verso l'Umanità intera, adempiendo così la sua missione sulla terra secondo la volontà di Dio Padre.Ma come Figlio di Dio non poteva abbandonare i suoi fratelli, i suoi fedeli seguaci, i suoi Apostoli, verso i quali aveva più volte e in più occasioni dato testimonianza di vero amore, accollando su di Sé il peso dei loro peccati. E quindi il terzo giorno lascia il sepolcro e risorge secondo le Scritture mostrandosi di nuovo in carne ed ossa  a quanti avevano creduto in Lui, ai quali consegna un nuovo comandamento che racchiude in sé il vero significato della pasqua di resurrezione: "Amatevi gli uni gli altri, come Io ho amato voi". Perché Gesù usa la parola "Amatevi" e non vogliatevi bene oppure rispettatevi o siate amici sinceri? Ha usato la parola "amatevi" perché l'Amore di Dio è talmente grande che comprende ogni altro sentimento che nasce dal cuore dell'uomo; è talmente grande che sacrifica fino alla morte e alla morte di croce il Suo Unico Figlio per redimere l'Umanità dai suoi peccati; è talmente grande che non conosce confini di tempo e di spazio per cui la  resurrezione di Cristo Gesù vuole essere l'ulteriore prova d'amore che Dio fa agli uomini di buona volontà per non lasciarli soli " Io sarò con Voi fino alla fine del mondo" dirà Gesù nel manifestarsi ai Discepoli, affranti e sperduti per la Sua morte; " Andate e diffondete  l'amore di Dio" e affida  a loro il nuovo comandamento affinché l'umanità intera possa beneficiare del grande dono di salvezza offerto gratuitamente, che se accettato, conduce inesorabilmente alla gloria eterna nello splendore del Paradiso. La nostra Pasqua è la capacità di amare i nostri simili con la stessa intensità con la quale il Cristo ha amato e continua ad amare noi. Avremo questa capacità? Il nostro cuore è pronto ad affrontare la prova decisiva della nostra fede? La Resurrezione del Cristo ha ravvivato in noi la speranza di sederci un giorno alla mensa del Signore per saziarci del suo infinito Amore? Guardando l'immagine del Cristo Risorto non possiamo che rispondere: " Si, Signore, sono pronto: Eccomi! "            

                                                          ______________________________


P.S: 

Questo post è già stato scritto e pubblicato nel 2012 e poiché il significato della Santa Pasqua è sempre lo stesso,senza ripetermi, ho deciso di riproporlo anche per il 2015.

 

                  == BUONA  PASQUA  A  TUTTI !!!==

                                                     ____________________