N.B. : Gli articoli possono essere letti in 70 lingue diverse.

Translate

giovedì 15 ottobre 2015

Rientro a casa

Alle 22.00 del 13 ottobre u.s., dopo una escursione in Sila e un salto a San Giovanni Rotondo per un saluto a S.Pio da Pietrelcina, la "carovana"guidata dalla Dott.ssa Rosaria Demaio - Responsabile Srvizi Sociali del Comune di Bagnara Calabra - ha fatto rientro nella cara e dolce casa: Bagnara Calabra.
E' stata una parentesi piacevolissima di pochi giorni, trascorsi all'insegna della gioia di stare insieme e in allegria con la ricerca e raccolta di funghi nei boschi della grande Sila, che ci ha dato la carica per riprendere con più lena la vita di tutti i giorni. Partiti la mattina del giorno 10 ottobre, verso le ore 11.00 abbiamo fatto sosta a Rossano dove ci è stata data la possibilità di visitare un'antichissima fabbrica di liquirizia,molto interessante sotto l'aspetto culturale perché, attraverso la spiegazione documentata fatta da una guida,abbiamo appreso che i reali di Napoli del periodo borbonico hanno contribuito nella seconda metà del '700 in maniera sostanziale alla costruzione del manufatto, antica fortezza militare,oggi  sede di una delle poche eccellenze italiane presenti anche all'EXPO di Milano.


Finita la visita (qualcuno ha comprato come di consueto) siamo ripartiti alla volta di Camigliatello dove siamo arrivati all'ora di pranzo. Nel pomeriggio della stessa giornata siamo andati a visitare il Parco Nazionale della Sila ed anche qui abbiamo potuto arricchire il nostro bagaglio culturale con la conoscenza di reperti della flora e fauna silana molto interessanti.La mattinata del giorno dopo l'abbiamo trascorsa a visitare  la centrale elettrica sempre all'interno del Parco Nazionale, dove mediante filmati abbiamo assistito alla spiegazione del funzionamento di una centrale idroelettrica e alla distribuzione dell'energia attraverso turbine e condotte sotterranee che collegano tra loro i tre laghi silani che sono la fonte primaria per la produzione di energia elettrica. Il pomeriggio della stessa giornata è stato dedicato agli acquisti dei vari prodotti locali tra cui funghi e castagne, patate e formaggi vari. Lunedi mattina dopo la colazione partenza per San Giovanni Rotondo e da qui dopo pranzo partenza per Bagnara, dove, come ho detto all'inizio, verso le ore 22.00 del 13 ottobre 2015 siamo giunti sani e salvi Per me è stata una ennesima esperienza molto positiva per cui sento il dovere di ringraziare la Dott.ssa Rosaria Demaio che, ad onor del vero, con una certa difficoltà è riuscita a portare a termine la "missione".
Mi auguro di poterla ripetere l'anno venturo, a Dio piacendo.  
.

Nessun commento:

Posta un commento