N.B. : Gli articoli possono essere letti in 70 lingue diverse.

Translate

sabato 20 febbraio 2016

L'orologio s'è fermato di nuovo.

Nel 2015, dopo una serie di articoli, ripresi anche da Costaviolaonline, così scrivevo:
"Evviva!L'orologio della torre civica, pardon del Palazzo Municipale di Bagnara Calabra, ha ripreso a scandire le ore in sintonia con il tempo reale dopo circa un anno e mezzo di letargo dovuto ad un semplice inghippo meccanico trascurato dai signori tecnici comunali. 
Dice un proverbio: E' bene quel che finisce bene e la missione "orologio civico", voluta e portata avanti da un folto gruppo di cittadini attraverso sollecitazioni, articoli di giornale e "gesti ammirevoli" come quello di essere disposti a contribuire alla spesa per la sua riparazione, si può considerata compiuta. Lo so Bagnara ha tanti problemi molto più importanti che ancora aspettano di essere risolti o quantomeno affrontati, ma i cittadini di Bagnara Calabra sono convinti che,risolvendo tanti piccoli problemi si riesca a trovare la soluzione anche per quelli grandi,per cui vedere di nuovo le lancette dell'orologio civico muoversi in sintonia con lo scorrere del tempo è un segnale che fa ben sperare. Ci auguriamo che l'Amministrazione Comunale nel suo complesso, tecnici compresi, tengano nel dovuto conto le aspettative e le esigenze dei cittadini, operando le scelte più opportune per risolvere i problemi del paese,dai più piccoli ai più grandi, con senso di responsabilità e la diligenza del buon padre di famiglia".   Da circa un mese ,ahimè,l'orologio della torre civica s'è fermato di nuovo e nessuno, dico nessuno dei tecnici comunali si è preso la briga di rimetterlo in funzione. Dobbiamo aspettare un altro anno per vedere le lancette muoversi di nuovo? Come ho già detto l'anno scorso il funzionamento dell'orologio del Municipio non è una cosa molto importante, ma è un segnale che fa ben sperare, cioè se vogliamo affrontare i grossi problemi, dobbiamo iniziare a risolvere quelli piccoli e l'orologio è uno di questi.

Nessun commento:

Posta un commento